TOP

La Coquette lost in Japan : Tokyo and Kyoto, Super Hit-list!

By Maria Rosaria

Posted in | Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Rule number 1: Never neglect the blog. But this time I did it, sorry. But I had a good reason! I was convinced that in ten days in Japan, there were times when I would have time to write. Instead, when arrived in Tokyo, the desire to discover any custom, tradition, particular district, has gained the upper hand and my ten days proved to be too few to be able to do everything I had planned. A mix of colors that captured the look, the omnipresent Japanese songs on the street, on the subway, in stores, the continual repeat a sort of “thank you”, the scent of gyoza (Japanese ravioli) coming from every small restaurant overlooking the street , the immeasurable amount of people standing in line at an intersection or on the subway, vending machines for drinks every hundred meters and game halls pachinko (a game that makes crazy Japanese) spread almost everywhere. Every district in Tokyo is worthwhile visiting, because each district is totally different, and for a tourist like me, this is a stimulus to curiosity. I initially move by taxi, and after I finally convinced that I must not open the door because it’s automatic, however I decided that I preferred to use the metro (very easy) to move from one area to another in Tokyo very quickly and without trying unsuccessfully to make myself understood by local taxi drivers. These days I learned that Japanese food (the real one) makes me crazy, that most of the Japanese girls (except some beautiful exception) are not dressed with the kimono, but with skirts fluttering “college style” and calzettine up to the knee , that in a country of culture and rigid caste dominate everywhere “salons of love,” the love hotels, erotic karaoke, etc., that there are so many fantastic products for facial care at affordable prices and that you can get around super relaxed because in this world there is no kind of petty crime. The main neighborhoods that I visited in Tokyo are:

  • Shibuya: One of the most dynamic areas of the city, frequented mainly by boys and young girls, who express themselves through the art of “cosplay” and fashion “ganguro”, which makes it all very colorful. There are many shops in socks and dresses “skimpy” restaurants and “love hotels”.
  • Harajuku: is the district of the more extravagant fashions, like the style “Gothic Lolita”.
  • Akhiabara: is the district electronics and manga, one of my favorites. There are hundreds of “special offers” on electronic products: pc, camera, iphone covers and more gadgets unthinkable. There are myriads of video games, and mechanical robots of the 80s.
  • East Shinjuku and Omotesando: places to shop and stay for dinner in some nice restaurant. There are many shopping malls and unique shops.
  • Roppongi is a district where to go dancing in the evening, drinking a cocktail and where you happen to cross a myriad of Westerners.
  • Ginza: the cultural center of the city.
  • Kappabashi: a district dedicated to cooking utensils.
  • Tokyo Dome, a large amusement park in the city, where I found a fantastic luxury spa, where you should go if you happen to those parts for some days, for only 20 euro per person (I swear).
  • Odaiba: it is an artificial island in Tokyo Bay, where you can enjoy walking away from the crowds.

WATCH THE VIDEO!
Another thing that made me fall in love with Japan are the gardens, manicured and relaxing, able to reproduce all the beauty of nature in a limited space, where you forget time and you can get lost in contemplation. I recommend you start with these:

  • The garden in Shinjuku
  • Koishikawa Koraku
  • Ueno Park (from which to walk to visit the National Museum of Tokyo)
  • Yoyogi (near Harajuku)

I dedicated one day on a tour of the main temples, including Meiji (near Harajuku) and the Sanctuary of Asakusa. But the most beautiful temples I saw in the two days I spent in Kyoto. I took a super fast train (Shinkansen) from Tokyo that takes you to Kyoto in two hours and a quarter, and in no time at all, I found myself in the atmosphere of the true Japanese tradition. In the “city of a thousand temples”, my first and last stop was Gion, the famous district of tearooms and the Geisha (became famous due to the movie “Memoirs of a Geisha”)  and where I spotted one in the evening, with the white face, a beautiful kimono and an elegant parasol in hand. the temple of gold has been the most impressive I’ve ever seen, but also the Fushimi Inari (a temple that is located on top of a mountain, and that is achieved through a distance of approximately 4 km through the red torii (a traditional portal lit the sacred Shinto). Located in Kyoto I had dinner in the restaurants of typical local cuisine dream that were hidden in a small street near a channel , unforgettable. In the “city of a thousand temples ” , my first and last stop was Gion, the famous district of tearooms and the Geisha ( became famous due to the movie ” Memoirs of a Geisha ” and where I spotted one in the evening, with the white face , a kimono once back in Tokyo again , I went straight to take a cafe on the ” Calico Cat café”, a bar full of beautiful cats we can play with while you take a cup of tea or coffee and then I had lunch at 634, a restaurant at 345 meters above sea level in Tokyo Skytree , where you have a breathtaking view of the city and went shopping in Shibuya Japanese along with a special friend who was able to advise me and guide me. In fact, ever since I was a child I wanted to know all the secrets of this strange ” world,” a little bit because of all Japanese cartoons that I have nurtured in childhood , and a little bit because my dad was always there for work , and told me many things that I then rielaboravo with imagination. And now I can only hug my beloved teddy bear cute of Rilakkuma and share this experience thanks to my blog and take the opportunity to thank this special place :

Arigatou gozaimasu!!!  

ありがとう

ございます  

La Coquette Italienne

————————–

Regola numero 1: mai trascurare il blog. Invece questa volta l’ho fatto, ahimè. Ma ho avuto un buon motivo! Ero convinta che in dieci giorni in Giappone, ci sarebbero stati dei momenti in cui avrei avuto il tempo di scrivere. Invece, una volta arrivata a Tokyo, la voglia di andare alla scoperta di ogni usanza, tradizione, quartiere particolare, ha preso il sopravvento, ed i miei dieci giorni si sono rivelati anche pochi per riuscire a fare tutto ciò che avevo in programma. Un mix di colori che catturava lo sguardo, le canzoncine giapponesi onnipresenti per strada, in metro, nei negozi, quel continuo ripetere una specie di “grazie mille” , il profumo dei gyoza (ravioli giapponesi) che proveniva da ogni piccolo ristorante affacciato sulla strada, l’incommensurabile quantità di persone ferme ad un incrocio o in fila in metropolitana, i distributori automatici di bevande ogni cento metri e le sale da gioco di pachinko (un gioco che fa impazzire i Giapponesi) sparse un pò dappertutto. Ogni quartiere di Tokyo merita di essere scoperto, perchè ogni quartiere è totalmente diverso dall’altro, e per un turista, come me, questo è uno stimolo alla curiosità. Inizialmente mi sono mossa in taxi, e dopo essermi finalmente convinta che non dovevo aprire la portiera perchè automatica, ho deciso che comunque preferivo usare la metropolitana (davvero facilissima) per spostarmi da una zona all’altra di Tokyo molto rapidamente e senza cercare invano di farmi comprendere dai taxisti locali. In questi giorni ho imparato che la cucina Giapponese (quella vera) mi fa impazzire; che la maggior parte delle ragazze giapponesi (tranne qualche bellissima eccezione) non sono vestite con i kimono, ma con gonnelline svolazzanti “college style” e calzettine fino al ginocchio; che in un paese dalla cultura rigida e casta dominano ovunque i “saloni dell’amore”, i love hotel, i karaoke erotici, ecc; che esistono tanti fantastici prodotti per la cura del viso a prezzi abbordabilissimi e che si può andare in giro super rilassati perchè in questo mondo non esiste alcun tipo di micro-criminalità. I quartieri principali che ho visitato a Tokyo sono:

  • Shibuya : una delle zone più dinamiche della città, frequentata principalmente da ragazzi e ragazze molto giovani, che si esprimono attraverso l’arte del “cosplay” e della moda “ganguro”, il che rende tutto molto colorato. Ci sono tanti negozi di calze ed abitini “succinti”, ristoranti e “love hotel”.
  • Harajuku: è il quartiere delle mode più stravaganti, come lo stile ” Gothic Lolita”.
  • Akhiabara: è il quartiere dell’elettronica e dei manga, uno dei miei preferiti. Si trovano centinaia di “offerte speciali” su prodotti elettronici: pc, fotocamere, cover iphone ed i gadget più impensabili. Ci sono miriadi di video games, e robot meccanici degli anni ’80.
  • Shinjuku est ed Omotesando: luoghi dove fare shopping e fermarsi a cena in qualche bel ristorante. Ci sono tanti centri commerciali e negozi particolari.
  • Roppongi: è un quartiere dove andare a ballare di sera, a bere un cocktail e dove vi capiterà di incrociare una miriade di occidentali.
  • Ginza: il centro culturale della città.
  • Kappabashi: un quartiere dedicato agli utensili da cucina.
  • Tokyo dome : un grande parco dei divertimenti in città, in cui ho trovato una fantastica Spa di lusso, dove vi consiglio di andare se capitate da quelle parti per un pò di giorni, per soli 20 euro a persona (giuro!).
  • Odaiba: è un’isola artificiale nella baia di Tokyo, dove fare delle passeggiate lontani dalla folla.

GUARDA IL VIDEO !!!
Un’altra cosa che mi ha fatto innamorare del Giappone sono i giardini, curatissimi e rilassanti, in grado di riprodurre tutta la bellezza della natura in uno spazio limitato, in cui ci si dimentica del tempo e ci si perde nella contemplazione. Vi consiglio di cominciare da questi:

  • Il giardino di Shinjuku
  • Koishikawa Koraku
  • Il parco di Ueno ( da cui arrivare a piedi a visitare il Museo Nazionale di Tokyo)
  • Yoyogi (vicino Harajuku)

Ho dedicato un giorno a fare un giro dei templi principali, tra cui Meiji (vicino Harajuku) ed il Santuario di Asakusa. Ma i templi più belli li ho visti nei due giorni che ho passato a Kyoto. Ho preso un treno super veloce (lo Shinkansen) che da Tokyo ti porta a Kyoto in due ore ed un quarto circa, ed in men che non si dica, mi sono ritrovata nell’atmosfera della vera tradizione Giapponese. Nella “città dei mille templi” , la mia prima ed ultima tappa è stata Gion, il famoso quartiere delle sale da the e delle geisha (diventato famoso anche grazie al film “Memorie di una geisha”) e dove ne ho avvistata una di sera, con il viso candido, un kimono bellissimo ed un elegante ombrellino in mano. Il templio d’oro è stata la cosa più suggestiva che io abbia visto, ma anche il Fushimi Inari (un tempio che si trova in cima ad una montagna, e che si raggiunge attraverso un percorso di circa 4 km attraverso dei torii rossi (un portale d’acceso tradizionale dell’area sacra shintoista).  A Kyoto ho cenato in ristorantini di cucina tipica locale da sogno che si trovavano in una stradina nascosta nei pressi di un canale, indimenticabili. Una volta tornata nuovamente a Tokyo, sono andata subito a prendere un cafè al “Calico Cat Cafè”, un bar pieno di gatti bellissimi con cui poter giocare mentre si prende un the o un caffè e poi ho pranzato al 634, un ristorante a 345 metri d’altezza nella Tokyo Skytree, da cui si ha una vista mozzafiato della città e sono andata a fare shopping a Shibuya insieme ad un’amica speciale giapponese che ha saputo consigliarmi e guidarmi. In realtà sin da quando ero bambina desideravo conoscere tutti i segreti di questo strano “mondo”, un pò per via di tutti i cartoni animati giapponesi di cui mi sono nutrita nell’infanzia, ed un pò perchè il mio papà ci andava sempre per lavoro, e mi raccontava tante cose che poi io rielaboravo con l’immaginazione. E adesso posso solo stringere il mio amato orsetto di Rilakkuma, condividere quest’esperienza grazie al mio blog e cogliere l’occasione per ringraziare questo posto speciale :

Arigatou gozaimasu!!!  

ありがとう

ございます

 

Fotogallery:

Share this story

About The Maria Rosaria

Owner and Founder at La Coquette Italienne Paris

Related Posts

1 Thought to La Coquette lost in Japan : Tokyo and Kyoto, Super Hit-list!

  1. fashionischeap Reply November 12, 2013 at 12:04 am

    quando si va a visitare un luogo è necessario staccare da tutto e dedicarsi solo alla scoperta. Il tuo racconto mi emozionato, vorrei vedere anche io una geisha dal vivo e mangiare tanti veri ravioli :)

    fashionischeap.it

    #

Leave a Reply to fashionischeap Click here to cancel reply.

Comment


btt